L’apertura del conto corrente Hello bank! può essere effettuata esclusivamente utilizzando il modulo online.

Richiedere un mutuo Hello! Home è semplicissimo, basta compilare il simulatore che trovi sul sito di Hello bank! in tutti i suoi campi: verrai ricontattato entro 24 ore da uno specialista mutui Hello bank! che ti aiuterà nella scelta del mutuo più adatto alle tue esigenze e ti supporterà durante tutto il corso della tua pratica di mutuo.

Devi fare una cosa sola: andare sul sito hellobank.it: grazie alla nostra partnership con Findomestic, società del gruppo BNP Paribas specializzata nel credito al consumo, troverai sicuramente la proposta giusta. Per agevolare la tua richiesta di prestito, calcola online il preventivo del tuo prestito con il simulatore e conoscerai subito:

  • l'importo e il numero delle rate da rimborsare;
  • il tasso di interesse (TAN e TAEG);
  • l’importo totale dovuto (con possibilità di stampare il preventivo).

Aprire un deposito titoli Hello! Investment è molto semplice e la procedura è interamente online.

Innanzitutto devi accedere alla tua area riservata di Hellobank.it e seguire queste istruzioni:

  • entra nell'area Il mio trading o I miei investimenti e i miei risparmi
  • seleziona Apri Hello! Investment
  • clicca su Aprilo subito
  • seleziona il conto d'appoggio, che servirà per le operazioni di negoziazione, l'accredito delle cedole, l'addebito delle spese di amministrazione e custodia
  • firma il contratto

Per completare la procedura è necessario compiliare il questionario MiFID.

Ricordati che per aprire un deposito titoli Hello! Investment devi avere un conto corrente Hello! Money.

È molto facile: basta recarsi in una filiale BNL e chiedere di passare a Hello bank!, e se sussistono le condizioni per il passaggio verrai contattato e il passaggio sarà attivo in 48 ore. Per ulteriori dettagli consulta l'infografica.

Per i versamenti di contanti sul conto Hello! Money puoi scegliere tra due modalità. Puoi recarti presso una filiale BNL, compilare una distinta e versare i tuoi contanti dietro pagamento di una commissione di 3 euro. Oppure puoi recarti presso un ATM evoluto (i bancomat nei quali è possibile effettuare anche il versamento di contanti) e dopo aver digitato il PIN, inserire le banconote. Questa operazione è gratuita. In entrambi i casi l'aggiornamento del saldo avviene molto rapidamente. Per maggiori dettagli consulta l'infografica

smarrimento-carta-credito-cosa-fare
Cosa fare in caso di smarrimento della carta di credito


Considerata la sua crescente utilità, sempre più persone girano e compiono le loro pratiche quotidiane portandosi dietro la propria carta di credito. Per non parlare poi dei viaggi in Italia o all’estero, nel corso dei quali la carta può diventare uno strumento davvero indispensabile. Averla spesso con sé e nelle più varie situazioni può però aumentare il rischio di inconvenienti, dal furto al semplice smarrimento della carta di credito. Ecco una breve guida su cosa fare in queste occasioni.

In caso di furto o smarrimento della propria carta di credito, la prima cosa da fare è rintracciare subito il numero verde per il blocco della carta di credito, il numero di emergenza fornito dalla banca di cui siamo clienti  gratuito e attivo 24 ore su 24 (se siete in Italia). All’estero invece bisogna prestare particolare attenzione, in quanto il numero per il blocco della carta di credito potrebbe essere diverso. Molte banche infatti dispongono di numeri particolari, dedicati a questo tipo di comunicazioni provenienti dall’estero.

Ovunque ci si trovi, è fondamentale che questa telefonata sia tempestiva, specie in caso di furto. Infatti, secondo la legge, non saremo chiamati a rispondere dei pagamenti e degli acquisti effettuati nel tempo successivo alla nostra denuncia con la carta di credito smarrita o rubata. Quale che sia l’ammontare speso o prelevato dal ladro, sarà nostro dovere restituire del denaro alla banca solamente se l’operazione fraudolenta è avvenuta prima della nostra telefonata di avviso, e anche in questo dovremo rimborsare soltanto fino ad un tetto massimo di 150 euro. Attenzione però, entrambe queste condizioni restano valide fino a che la banca reputerà idoneo il nostro comportamento ai fini della sicurezza della carta stessa. Infatti una condotta ritenuta dolosa o poco responsabile porterà all’annullamento di questa salvaguardia e all’avvio di ulteriori procedure di controllo.

Dopo aver chiamato tempestivamente la banca, il secondo passo è avvisare le autorità competenti, alle quali andrà denunciata la perdita della carta sia in caso di smarrimento che di furto. E’ inoltre importante conservare una copia della denuncia effettuata, poiché la banca potrebbe decidere di richiederla nelle 48 seguenti la comunicazione dell’accaduto. Effettuate queste due operazioni non resta che aspettare. Le autorità si muoveranno secondo loro competenza mentre la banca procederà al blocco della carta. In seguito sarà possibile richiederne una nuova, ad un prezzo di sostituzione che può arrivare ad un massimo di 30 euro. Non in tutte le banche comunque tale operazione è a pagamento, ma dipende dalle politiche contrattuali interne. Ad esempio per Hello! Card, la carta di credito di Hello bank!, sia la sostituzione che la remissione della carta sono totalmente gratuite.

Il blocco – ossia quando la carta di credito è bloccata - è in realtà una procedura che si può anche subire a sorpresa da parte della propria banca, senza che parta alcuna denuncia da parte nostra. Il motivo principale per cui possiamo ritrovarci con la carta di credito bloccata è per ragioni di sicurezza. In questi casi infatti il blocco stesso viene utilizzato come misura di emergenza dopo l’individuazione di transazioni e movimenti sospetti (non necessariamente a carico del cliente ma magari per indizi di clonazione). Possiamo inoltre subire un blocco quando le spese effettuate con la carta portano ad un forte sconfinamento sul nostro conto. In entrambi i casi sarà la banca a mettersi in contatto con noi, alcune di esse prima del blocco, altre subito o poco dopo.

Se invece questa o altre esperienze dovessero spingerci a decidere di cambiare carta di credito, è possibile sempre fare richiesta di revoca della carta di credito alla propria banca. Tornando all’esempio precedente, con Hello! Card sarà sufficiente comunicare la decisione tramite una lettera di revoca, garantendo un preavviso di 60 giorni ma senza andare incontro ad alcuna penalità o spesa di chiusura.

Scopri i prodotti a te dedicati:

Hello! Card e Hello! Free ›

  • Zero spese di emissione e gestione
  • 100% online
  • Pagamenti Contacless
  • Sicurezza MasterCard Secure Code

Approfondisci - video:

Scopri nel video tutti i vantaggi delle carte Hello bank!