Trasparenza

Leggi tutte le norme sulla trasparenza bancaria



NORME SULLA TRASPARENZA BANCARIA

La trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari è disciplinata dal Testo Unico Bancario, dalle delibere del CICR e dalle disposizioni attuative della Banca d'Italia. Per maggiori informazioni, si può consultare il sito www.bancaditalia.it.
Consulta la sezione Documenti di Trasparenza
La documentazione presente in questa sezione è in formato scaricabile.

 

AUMENTI DI CAPITALE IPERDILUITIVI

Per gli aumenti di capitale c.d. iperduilitivi (operazioni di aumento di capitale con diritto d’opzione caratterizzate dall’emissione di un numero di nuove azioni molto elevato rispetto al numero di azioni in circolazione ad un prezzo fortemente scontato rispetto a quello di mercato), è possibile ricevere le nuove azioni in ciascun giorno dell’aumento di capitale, a partire dal terzo giorno, e non soltanto al termine del periodo dell’aumento. In tale ipotesi, viene meno - qualora avvenga la pubblicazione di un supplemento al prospetto - la facoltà di revocare l’ordine conferito. In mancanza di espressa richiesta da parte del cliente aderente all’aumento di capitale di usufruire della consegna anticipata, la Banca procederà alla consegna dei nuovi titoli azionari al cliente stesso al termine del periodo dell’aumento di capitale. Gli aumenti di capitale che non saranno classificati da Borsa Italiana come “iperdiluitivi” continueranno ad essere gestiti con le attuali regole, con la consegna delle nuove azioni – in caso di adesione - interamente alla fine dell’operazione.

Comunicazione Consob – Aumenti di capitale iperdiluitivi – Modello rolling

 

DIRETTIVA MIFID II

Dal 3 gennaio 2018, sono in vigore le disposizioni della nuova Direttiva Europea MiFID II sui servizi d’investimento (Dir. n.2014/65/UE) e del Regolamento MiFIR sui mercati finanziari (600/2014/UE), introdotte per sviluppare un mercato unico europeo dei servizi e prodotti finanziari, i n cui siano assicurate la trasparenza e la protezione degli investitori.

Per consentire alla clientela di operare con le maggiori tutele previste e di scegliere consapevolmente fra le opportunità introdotte dalle nuove norme, la Banca ha adottato interventi di miglioramento delle procedure e ha provveduto ad aggiornare il contratto per la prestazione dei servizi d’investimento e accessori (“CUF”), nonché il Questionario di Profilazione, disponibile anche online per i clienti dei Canali Diretti, che permetterà alla Banca di assegnare il profilo più corretto per valutare l'appropriatezza o l’adeguatezza delle disposizioni d’investimento conferite da ciascun investitore.

Sono a disposizione della clientela alcuni documenti informativi sui principali adempimenti previsti dalla MiFID 2.

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi d'Investimento ed Accessori
Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini DRP WM GPI
Strategia di classificazione della clientela
Sistemi di ricerca automatica della best Execution sistema SABE
Sistemi di ricerca automatica della best Execution sistema BEX
Sistema di ricerca automatica della best Execution - Equita Sim

 

OBBLIGO DI PUBBLICAZIONE

Pubblicazione per ciascuna classi di strumenti finanziari, delle prime 5 sedi di esecuzione e Brokers utilizzati e di una sintesi dell’analisi e delle conclusioni tratte dal monitoraggio approfondito della qualità di esecuzione ottenuta nelle sedi di esecuzione in cui ha eseguito e dei Brokers cui ha trasmesso gli ordini dei Clienti l’anno precedente.

TOP FIVE INVESTMENT FIRMS – CLIENTI RETAIL E PROFESSIONALI (Art. 3 (3) del Regolamento Delegato (UE) 2017/576)

RTS 27: Pubblicazione dei report “Best Execution” ai sensi del regolamento delegato (UE) 2017/575 dell'8 Giugno 2016 che integra la direttiva 2014/65 / UE del Parlamento europeo e del Consiglio relativa ai mercati degli strumenti finanziari per quanto riguarda le norme tecniche di regolamentazione relative ai dati che devono essere pubblicati dalle sedi di esecuzione sulla qualità dell'esecuzione delle operazioni.

RTS 27 - PUBBLICAZIONE DEI REPORT “BEST EXECUTION

 

NORMATIVA SULLA GESTIONE DELLA CRISI DELLE BANCHE

I decreti legislativi n. 180 e 181 del 16 novembre 2015 hanno recepito la direttiva europea 2014/59/UE - c.d. BRRD - Bank Recovery and Resolution Directive che introduce - in Italia e in tutti i paesi dell’Unione - regole uniformi per prevenire e gestire le eventuali crisi delle banche, garantire la continuità dei servizi (ad esempio, i depositi e i servizi di pagamento) ed evitare che il costo di un eventuale salvataggio sia sostenuto direttamente dallo Stato, cioè da tutta la collettività.Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare i documenti informativi e i link qui di seguito riportati.